Design

Disegni e modelli registrati

Protezione dell’aspetto esteriore dei prodotti

Questo tipo di deposito tutela le forme, nuove e dotate di carattere individuale, di un oggetto o di un prodotto, o di una sua parte, nonché degli imballaggi, i disegni di tessuti, carte da parati, ed anche simboli grafici e caratteri tipografici, e così via.

La registrazione dei modelli o disegni ha una durata massima di 25 anni, soggetta al pagamento di una tassa ogni 5 anni.

La legge italiana prevede anche la possibilità di effettuare il cosiddetto deposito multiplo, con il quale si possono proteggere un numero indefinito di modelli, purché essi riguardino tutti uno stesso settore merceologico, come determinato dalla appartenenza ad una medesima classe di una apposita Classificazione Internazionale.

Il nostro ufficio sceglie accuratamente le fotografie o i disegni del modello da depositare, per mettere in evidenza le sue caratteristiche salienti, preparando anche una breve descrizione che le sottolinei.

Modelli Internazionali

In alternativa al deposito di un disegno o modello registrato nazionale o comunitario, quando gli interessi economici potrebbero estendersi al di là del territorio italiano, si può ricorrere al deposito secondo l’Accordo dell’Aia.

Con un unico deposito effettuato a Ginevra presso l’OMPI (Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale, nota anche come WIPO), organismo facente parte dell’ONU, un richiedente italiano può ottenerela protezione in diverse nazioni, attualmente:

 

Anche il modello internazionale prevede il deposito multiplo, che permette di proteggere fino a 100 modelli con un unico deposito, purché appartenenti al medesimo settore merceologico, come stabilito dalla appartenenza alla stessa classe della Classificazione istituita con l’Accordo di Locarno.

Modello Comunitario

A partire da Aprile 2003 è entrato in vigore il regolamento sul cosiddetto Disegno o Modello Comunitario che, al pari del regolamento sul Marchio Comunitario, permette di proteggere con un’unica ed economicamente vantaggiosa domanda la forma del proprio prodotto in tutti i 27 Paesi aderenti all’Unione Europea, ovvero:

 

 

Sono previsti due tipi distinti di protezione:

Disegni e Modelli Comunitari non registrati

Questo tipo di protezione non richiede la presentazione di alcuna domanda ma, al pari del Diritto d’Autore, nasce automaticamente per il fatto stesso che il disegno o modello è stato concepito. Ha però durata limitata di soli 3 anni dalla data di divulgazione del prodotto.

Disegni e Modelli Comunitari registrati

La procedura di deposito va effettuata presso l’apposito ufficio di Alicante, in Spagna. Al pari di quello italiano, il Modello Comunitario ha una durata massima di 25 anni a partire dalla data di deposito, ed è soggetto al pagamento di una tassa ogni 5 anni. Può riguardare un qualsiasi numero di modelli, purché tutti appartenenti alla medesima classe della Classificazione di Locarno.

In un mondo in cui spesso il valore commerciale del prodotto è determinato in buona parte, se non completamente, dalla sua forma, con un unico deposito si può ottenere una tutela che permette di vietare la produzione, vendita e pubblicizzazione di disegni o modelli non autorizzati nell’intero territorio dell’Unione, consentendo anche di procedere con la richiesta di blocco delle importazioni all’interno della stessa.

E’ anche prevista la possibilità di depositare i propri disegni o modelli entro un anno dall’inizio della commercializzazione, cosa che offre la possibilità di valutare l’opportunità della registrazione, nonché la possibilità di differire la pubblicazione sino a 30 mesi, in modo da tenere segrete, ma ugualmente coperte da tutela, le proprie creazioni, sino al momento che si considera opportuno per la loro divulgazione.

Modelli all’estero, ricerche e ottenimento copie

Qualora non fosse sufficiente, per l’estensione territoriale degli interessi economici, né il deposito italiano, né il deposito comunitario, né il deposito internazionale, le creazioni ornamentali possono comunque essere protette in quasi tutti i paesi del mondo.

Il nostro ufficio si avvale a tal fine di una rete di colleghi esteri frutto di decenni di collaborazione nel settore.

Lo stesso canale consente di ottenere le copie dei depositi altrui in qualunque nazione, nonché di effettuare accurate ricerche, particolarmente critiche a causa della ancora incompleta informatizzazione nel settore della protezione della forma.

Particolarmente importanti per la tutela del design sono le registrazioni in Cina, Corea del Sud, Giappone, U.S.A., e tutte le nazioni in rapido sviluppo industriale.

Classificazione Internazionale dei disegni e modelli

Accordo di Locarno – ottava edizione

  1. Prodotti alimentari, compresi i dietetici.
  2. Articoli di abbigliamento, comprese le calzature.
  3. Articoli da viaggio e oggetti personali, non compresi in altre classi.
  4. Spazzolame.
  5. Articoli tessili non confezionati, materiali artificiali o naturali in fogli e pelli.
  6. Arredamento.
  7. Articoli di uso domestico non compresi nelle altre classi.
  8. Utensili e ferramenta.
  9. Imballaggi e recipienti.
  10. Orologeria e strumenti di misura.
  11. Oggetti per uso ornamentale.
  12. Veicoli.
  13. Apparecchi di produzione, distribuzione e trasformazione dell’energia elettrica.
  14. Apparecchi elettrici ed elettronici.
  15. Macchine industriali e di uso domestico.
  16. Fotografia, cinematografia ed ottica.
  17. Strumenti musicali.
  18. Stampa e macchine per ufficio.
  19. Articoli di cartoleria e cancelleria, materiale artistico e didattico.
  20. Attrezzature di vendita e pubblicitarie.
  21. Giochi, giocattoli e articoli sportivi.
  22. Armi ed articoli per la caccia, la pesca e la distruzione di animali nocivi.
  23. Installazioni sanitarie, di riscaldamento, di ventilazione e di condizionamento d’aria.
  24. Medicina e laboratori.
  25. Fabbricati ed elementi di costruzione.
  26. Apparecchi di illuminazione.
  27. Tabacchi e articoli per fumatori.
  28. Prodotti e articoli farmaceutici e da cosmesi, articoli e attrezzature da toilette.
  29. Dispositivi ed equipaggiamenti per il salvataggio e la protezione dell’uomo.
  30. Cure e mantenimento degli animali.
  31. Macchine ed apparecchiature per la preparazione di cibi e bevande.
    1. Miscellanea (Ornamenti in EuroLocarno, ovvero per quanto riguarda il deposito di modelli/disegni comunitari).

 

Se si vende o si dà in licenza

CONTRATTI E LICENZE, TRASCRIZIONI E ANNOTAZIONI

Se un qualsiasi diritto di proprietà industriale si dimostra interessante economicamente, spesso diventa oggetto di un contratto di sfruttamento o di vendita o di licenza.

L’organizzazione tecnico-legale del nostro studio è in grado di assistere i propri clienti nelle trattative e nella conclusione di tali contratti e licenze. In sede internazionale, le estese conoscenze linguistiche dei propri componenti, la trentennale esperienza accumulata e la conoscenza approfondita della mentalità e delle abitudini dei negoziatori esteri consentono trattative spedite e proficue.

Fra i tipi di contratti di nostra pertinenza annoveriamo anche i contratti di franchising, merchandising, riproduzione di opere artistiche e/o letterarie, distribuzione di prodotti, rappresentanza o agenzia.

Naturalmente lo studio si occupa anche della annotazione o trascrizione di tali contratti presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, l’Ufficio Comunitario di Alicante, o altra amministrazione preposta, che è necessario effettuare affinché valgano anche nei confronti dei terzi, come pure delle modifiche di indirizzo o denominazione della società.

E se qualcuno copia…

ASSISTENZA TECNICO-LEGALE IN CONTROVERSIE E CAUSE

Strategia e tattica unite all’esperienza

L’esperienza dimostra che il successo di un brevetto, modello di utilità, modello o disegno registrato, così come di un marchio si misura anche dalla probabilità che terzi ne imitino o addirittura copino il soggetto, consapevolmente o meno.

Altre controversie e cause possono nascere dal mancato rispetto di clausole contrattuali, specialmente nel caso di licenze d’uso, oppure sulla proprietà o disponibilità del titolo e così via.

Il nostro studio ha le persone competenti e l’organizzazione necessaria per assistere i propri clienti nel caso di una controversia o causa nel settore della proprietà industriale, agendo direttamente per l’aspetto tecnico o pratico e affidando la parte giuridica di volta in volta al legale più adatto, scelto comunque tra specialisti di questo campo, ma tenendo conto delle peculiarità del caso specifico, come il foro competente e l’importanza economica della questione.

Il nostro ufficio ha una vasta esperienza in tutte le fasi correlate con una vertenza giudiziaria o extragiudiziaria e le perizie e i sopralluoghi tecnici vengono eseguiti dallo staff competente.

Nella risoluzione di controversie mediante arbitrato nazionale e internazionale, è nostra cura assistere con la massima competenza il cliente per raggiungere un risultato soddisfacente e una definizione il più possibile equa dell’arbitrato.